fbpx
reportSPINNING

LECCIE AMIA “LEGGERE” – light spinning alla leccia amia

Questo predatore è l’icona di questo blog e dei canali social che gestisco, un pesce, la leccia amia, che mi piace pescare, sia piccola, ma soprattutto più grandicella, quando trovo le piccole leccie amia pescarle a light spinning diventa “una goduria”!

Ebbene si, è davvero divertente, la sua partenza a razzo, la fuga iniziale, bruciante, anche se da piccola, la leccia amia mantiene la sua classica modalità di attacco e difesa, pescandole con attrezzi leggeri questa sua caratteristica si accentua notevolmente e ne giova il lato più accattivante dello spinning, il combattimento con il predatore.

Vediamo come e perché, anche attraverso il video pubblicato sul mio canale youtube, questo predatore può essere considerato il top nella tecnica dello spinning e quali trucchi utilizzo per catturarle quando “scopro” che ci sono loro nei paraggi.

Lo spot

In questo specifico caso, lo spot, è rappresentato da una bellissima spiaggia che digrada dolcemente, non c’è uno scalino troppo marcato ed i primi 10-15 metri sono di fondale basso.

E’ presente anche una piccola foce, indice della possibile presenza di foraggio che piace tanto alla leccia, i cefaletti.

Le attrezzature, leggere!

Per affrontare uno spot simile, dato che non c’è (forse!) la possibilità di incappare in qualche big irresistibile, viste anche le condizioni meteo marine, decido di portare con me attrezzi leggeri, in particolare la mia fidata ZODIAS 2020 – ne parlo in questo articolo: SHIMANO ZODIAS 2020 CLOSE-UP.

In combo con la zodias c’è il mio twin power c3000, ormai il mio preferito per le tecniche leggere, lo ustilizzo sia sulla zodias che sulla NRX 882, come treccia uno 0.10 kairiki VT.

Gli o L’artificiale

Ormai vi sarà chiaro che mi piace jerkare, adoro gli artificiali palettati, mi sto migliorando anche con altri, ma ancora è fortissima la loro presenza nelle mie borse da spinning.

Però, spot basso, come fare? I palettati toccherebbero a terra, infatti mi succede con ogni artificiale che provo e che rischio di romepre, no problem, ho un jerk che sta quasi a galla!

Si tratta del piccolo shimano flash boost, un jerk molto particolare che grazie ad una particolare paletta riesce a pescare pochi centimetri sotto il pelo dell’acqua, micidiale in questo spot!

Le condizioni meteo

Le ho messe alla fine, ma rivestono in questa battuta a spinning una componente essenziale, quasi sempre è così.

La pescata leggera infatti è permessa sia dal mare calmo, sia da un forte vento di spalle, che spinge i miei artificiali ben oltre la strike zone dello spot, che si trova almeno ad un 30 metri da me.

Non solo, il cielo è coperto, molto coperto, ed una perturbazione si avvicina, ottimo, i cali di pressione generano reazione nei predatori!

Il calo di pressione è talmente forte che inizia a piovere ad un certo punto, infatti le due catture del video avverranno proprio mentre la tempesta si avvicina ed a tempesta quasi finita!

La jerkata per la leccia

Guardando il video vi accorgerete che la jerkata che faccio è molto diversa dal solito, grazie a questo recupero molto più frenetico e incisivo, spesso, riesco a catturare questo predatore.

A quanto pare gli piace colpire le sue prede mentre sono allo sbando, nel maggior momento di difficoltà.

Grazie alle sbandate impresse con jerkate abbastanza forti, dalla mia esperienza, ho potuto notare che questo comportamento è caratteristico sia delle grandi leccie amia, che degli esemplari più piccoli.

Le prede, ben due leccie amia!

Ero andato convinto di poter insidiare questo predatore, avevo informazioni sicure sulla loro presenza, mi sarebbe bastata la prima, ma con mia grande gioia ne arrivano due!

Predatore stupendo, come dicevo all’inizio, che attacca con una modalità che definisco di “stordimento”, cosa significa?

Nella stragrande maggioranza dei casi la leccia attacca prima per stordire e poi per mangiare, cercando di generare scompiglio nel banchetto delle prede che sta appostando.

Infatti, quasi sempre, il nostro artificiale lo ritroveremo attaccato non in bocca , ma nei pressi, oppure lontanissimo, schiena, fianco e purtroppo a volte pancia e branchia.

Questi due piccoli esemplari sono stati quindi attratti e catturati e poi rilasciati, utilizzando gli accorgimenti che vi ho descritto, sapevo già della presenza ed ho quindi mirato la battuta ed il mio stile alla loro cattura e dopo qualche prova ci sono riuscito.

L’utilizzo di attrezzi leggeri ha fatto notevolmente aumentare il divertimento, una cosa mi raccomando, dopo il divertimento, viene la responsabilità, se non sono ferite gravemente, rilasciamole, diventeranno enormi e ci faranno divertire in futuro per 10 volte!

In conclusione

Pescare leggero e catturare prede che normalmente si potrebbero catturare con attrezzi da spinning medio inshore rappresenta per me un notevole miglioramento, oltre che divertimento.

Le prede anche se con qualche secondo in più vengono combattute, ma non sfinite, si riesce a portare a termine un bel combattimento quasi ad armi pari, che mette alla prova la nostra attrezzatura e bravura nel riuscire a concluderlo a nostro favore.

Sono convinto, che migliorarsi pescando con attrezzi leggeri, sia una delle chiavi per pescare meglio anche quando andiamo più pesanti, questa mia convinzione nasce da una sicurezza, pescare praticamente da 0 a 150 grammi, utilizzando più attrezzi e diversi setup, permette di capire quali esche e con quali attrezzature sia meglio utilizzarle!

Attrezzature utilizzate in questo report e video

“Alcuni link utilizzati sono link di affiliazione. Acquistando tramite i link potrei ricevere una commissione sulla vendita. Questo non influisce sul prezzo del prodotto che acquisti.”

Non mi resta che lasciarvi come al solito i link ai miei social ed il video dove questo racconto lo potrete vivere con i vostri occhi, spero vi piaccia, se così fosse vi invito a mettere un like ed iscrivervi al canale YouTube ClipAnger, seguitemi su Facebook, instagram, twitter e pinterest, li aggiorno quotidianamente. Vi informo che ho anche aperto la sezione commenti, per gli articoli, quindi potrete dire la vostra anche qui, sotto questo articolo. Mentre per ricevere le notifiche su nuovi articoli, tutorial, report e progetti di questo blog, vi basterà iscrivervi alla newsletter!

LECCIE AMIA "LEGGERE" - light spinning alla leccia amia - clipangler
Watch this video on YouTube.
LECCIE AMIA “LEGGERE” – light spinning alla leccia amia

Articoli correlati

0 0 vote
Vota questo articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Controlla anche
Close
Back to top button