Artificiali artigianali

GUGLIO il needle secondo FISHING GAME!

Dopo qualche tempo torno a scrivere un articolo dedicato alla rubrica “provati per voi”, lo faccio parlando di un artificiale che mi ha da subito incuriosito il GUGLIO della fishing game, un needle che rompe alcuni concetti relativi a questa esca, vediamo insieme perchè.

Un neddle dicevo, anzi due, si perché i creatori di questa particolare esca, ovvero fishing game, mi hanno omaggiato di ben due modelli del guglio, il 180 ed il 230 per provarli, che nella forma sono needle, ma che guardandoli bene, come già accennato, ne cambiano un bel po’ i canoni.

Nel corso di questo breve articolo, come al solito a complemento di un video sul canale, vi descriverò le mie sensazioni appena scartati misurati e toccati e successivamente cosa ho provato lanciandoli in mare, da riva e… grossa novità anche dal kayak!

GUGLIO 230 e guglio 180 by fishing game

Due needle, due misure, ma stesso concetto, l’imitazione quasi maniacale, specialmente nel più corto, dell’aguglia.

Questo non solo nella lunghezza, ma anche nella forma, cilindrica per buona parte del corpo e che diminuisce poco rispetto al diametro della parte posteriore fino all’attaccatura della testa, diminuendo di diametro dall’attaccatura della testa in poi.

Questa caratteristica già si scosta parecchio parecchio dalla forma classica che vediamo di solito in queste esche, ovvero, un diminuzione del diametro del corpo molto marcata a partire già dalla parte posteriore per finire nella punta del “becco”.

Entrambi i needle hanno questa caratteristica, vi lascio qui sotto un paio di foto dove questa particolarità si vede molto bene.

Dalle foto potrete notare anche un altro particolare costruttivo, la disposizione degli attacchi per le armature, ma di questo ne parleremo fra poco.

Armature guglio 180 e 230

I due artificiali mi sono stati forniti già pronti all’uso, con armature e due ottime ancorette, anche qui possiamo notare una grande differenza rispetto ai “classici” needle, infatti le armature non sono disposte una nel mezzo ed una alla fine del corpo dell’artificiale, ma sono concentrate sulla coda.

Questa disposizione delle armature necessita di una attenzione particolare, ovvero la scelta di ancorette leggere e non troppo pesanti, fra poco vedremo perché, che rendono la linea del guglio ancora più filante ed elegante, donandogli quasi un senso di libertà nella parte superiore, strano da vedere, ma efficace in acqua.

Colorazioni e finiture

Il corpo del guglio al tatto risulta essere davvero liscio, molto rifinito anche ad uno sguardo attento, i colori sono vividi e brillanti, non c’è molto da descrivere basta guardare le immagini.

Le finiture ed i particolari non lasciano dubbi sulla capacità del costruttore di riprodurre nei minimi dettagli le fattezze del pesce foraggio in questione, l’aguglia, che viene in ogni particolare richiamata e che non sfuggirà ai più attenti nella particolare finitura della branchia e del becco, davvero impressionante il livello di imitazione.

I colori arrivati nelle mie mani sono un blu, che definirei “aguglia” ed un classico colore accesso o GBA, il primo perfetto per la pesca in piena luce ed il secondo ottimo in condizioni avverse e cambio luce.

Prova in mare GUGLIO by fishing game

Come consueto per capire se un artificiale dalle prime impressioni tattili e visive, può diventare un valido alleato in pesca, serve provarlo, alla classica prova in mare da riva, da questo articolo in poi su richiesta del costruttore ho inserito una prova anche dal kayak, visto l’esponenziale aumento di chi fa uso di questo stupendo mezzo per la pesca!

Laciabilità e nuoto GUGLIO 180 e 230

Durante le prove in mare di questi due needle, anche se fatte in questa torrida estate, ho incontrato condizioni abbastanza “agitate” del mare, sia da riva che da KAYAK (vedrete nel video allegato in basso “l’avventura” per provarlo in kayak!).

La prova in mare da riva è stata molto soddisfacente, specialmente riguardo il lancio, entrambe le misure si sono comportate come ci si aspetta da queste esche, ovvero il raggiungimento di distanze eccellenti considerando anche il vento contrario in alcuni casi.

Le differenze di peso naturalmente si fanno sentire, quindi il 180 vola un pò meno del 230, ma questo vantaggio viene invertito appena aumenta il vento, infatti il corpo più snello e più aereodinamico del 180 lo fa volare meglio del 230 in condizioni di vento contrario o laterale quando tagliamo con il lancio

Nuoto

Il nuoto come al solito dipende dal nostro recupero, si potrebbe dire che facendo un classico recupero da needle otterremo un classico movimento da needle, ma qui casca l’asino!

Per il guglio questa regola vale fino ad un certo punto, abbiamo parlato prima della sua sinuosità e del diametro ridotto nonché della particolare disposizione delle armature, bene questo incide e n on poco sul movimento di questo artificiale artigianale.

Il guglio sarà sinuoso nel movimento ed alzerà parecchia acqua semplicemente alzando la canna, infatti l’assetto sarà quasi sempre con il becco fuori dall’acqua, uguale uguale alle aguglie che scappano dai serra o dalle lampughe, non ci vuole niente a fargli fare un side-to-side magnetico.

Abbassando la canna invece, specialmente, anzi particolarmente, con il 180 ci divertiremo a fare finta di avere un’aguglia in caccia, magari distratta, sul pelo dell’acqua!

Gestione ed attrezzi da usare

La gestione dei due needle non è particolarmente difficoltosa, il peso non troppo accentuato ed il corpo non troppo voluminoso permettono l’utilizzo di attrezzature da spinning medio, senza esagerare nella potenza per un divertimento ed una maneggevolezza ancora maggiore.

guglio 230 prova in mare
guglio 230 prova in mare

In conclusione

I due needle della fishing game rispondono ad una esigenza particolare a mio giudizio, rompere gli schemi rispetto al classico needle, che in alcuni spot forse è diventato troppo popolare fra i serra specilamente.

Un approccio ed un metodo costruttivo diverso di questa esca danno allo spinner la possibilità di provare recuperi diversi in diverse situazioni, non vi deluderà nel lancio e sarà facile da gestire in fase di recupero.

Non è ancora arrivata la cattura per me, ma questa appena ci sarà verrà comunicata attraverso i video del canale e naturalmente aggiunta a questo articolo, per il momento godetevi la prova in laboratorio e la prova in mare con il video qui sotto!

Caratteristiche tecniche GUGLIO 230

  • Produttore: FISHING GAME
  • Nome: GUGLIO 230
  • Length: 230 mm
  • Weight: 23G
  • Action: needle
  • Armature: ANCORETTE DECOY sp21 n°4

Caratteristiche tecniche GUGLIO 180

  • Produttore: FISHING GAME
  • Nome: GUGLIO 180
  • Length: 180 mm
  • Weight: 16 g
  • Action: needle
  • Armature: ANCORETTE DECOY sp21 n°4

Non mi resta che lasciarvi come al solito i link ai miei social ed il video dove questo racconto lo potrete vivere con i vostri occhi, spero vi piaccia, se così fosse vi invito a mettere un like ed iscrivervi al canale YouTube ClipAnger, seguitemi su Facebook, instagram, twitter e pinterest, li aggiorno quotidianamente. Vi informo che ho anche aperto la sezione commenti, per gli articoli, quindi potrete dire la vostra anche qui, sotto questo articolo. Mentre per ricevere le notifiche su nuovi articoli, tutorial, report e progetti di questo blog, vi basterà iscrivervi alla newsletter!

Back to top button