fbpx

PROVATI PER VOI

NARAK 230F – il needle!


narak 230 f geppetto lures

La pesca in topwater, emozione e martirio.

Lo spinning per sua natura, la tecnica ed i predatori che miriamo ad insidiare con questa, è emozionante. Molte volte sappiamo con buona percentuale quale specie attaccherà i nostri artificiali (se li attaccherà) altre volte no. La seconda casistica, altre volte no, è quella più gettonata. La stragrande maggioranza delle battute che andremo ad affrontare, in dipendenza dei più svariati fattori, maree, correnti, venti, montanti, scadute, fasi lunari, presenza di pesce foraggio, etc. etc. sarà un grande mistero, affascinante vero? Ma se utilizziamo esche specifiche, questo affascinante mistero potrebbe anche diventare meno misterioso (ma restare sempre affascinante). In questo articolo, dopo averlo provato a dovere voglio descrivervi la mia esperienza (appena iniziata) con il needle, in particolare il Narak 230-F di casa Geppetto Lures, che come orgogliosamente scrivono sulla confezione è un prodotto 100% legno 100% made in italy! ed aggiungo io 100% topwater!

NARAK 230 - F
NARAK 230 – F

Esca grossa pesce grosso! Vi piacerebbe!

Il Narak è un’esca bella grossa, su questo non c’è dubbio! E’ lungo ben 230 mm, pesa 35 grammi, ed è floating. Da queste 3 caratteristiche ne deriva la sigla che accompagna il nome (non le hanno messe a casaccio!). Dicevo esca grossa pesce grosso, molte volte questa “antica” massima, fa si che chi, come dicevamo prima, conosca più o meno il target di prede che andrà ad insidiare, magari piccoli pesci che devono ancora farsi le lische, lasci volutamente fuori dal campionario esche di questo tipo. Potrebbe anche fare bene, ma nel caso dei needle questa modalità potrebbe essere accantonata. Il needle non è un artificiale che il predatore vedrà nella sua interezza nuotargli davanti al muso (come nel caso dei classici long jerk), anzi al contrario, ne vedrà una piccola porzione sgattaiolare in superfice. Questa particolarità farà si, ad esempio, che piccoli serra, lunghi quasi quanto il needle stesso lo attacchino senza remora. Lo so, lo so non è questo il motivo principale, il needle nella sua forma e nel nuoto che sapremo imprimergli nell’immaginario collettivo è un’aguglia che scappa dai predatori… quindi un piccolo pesce seppur bello lungo!

SERRA SU NARAK 230 - F
SERRA SU NARAK 230 – F
NARAK 230 - F - RED SMOKE - SPECTRAL ORANGE - FUSION
NARAK 230 – F – RED SMOKE – SPECTRAL ORANGE – FUSION

Nel video in basso una delle catture con il narak 230 – F colore fusion

La mia esperienza con il narak

Devo essere sincero, usavo poco o niente i needle. Mi sono dovuto ricredere! Sono bastate poche uscite per rendermi conto dell’errore che avevo fatto ai miei danni non utilizzandolo assiduamente. Già nelle prime battute si intravedevano inseguimenti e vortici dietro la scia del narak, che bellezza! Fino al giorno fatidico nel quale i serra piccoli ed anche un bel serrone, non lo hanno fatto saltare qualche metro fuori dall’acqua. I serra hanno questo modo di testare le nostre esche artificiali in topwater, gli danno testate! E poi si fanno male! Ho provato nella stessa giornata altre esche, non vi nego che venivano inseguite ed attaccate, sarebbe disonesto dirlo, ma quando gli sbatacchiavi davanti al muso il needle, con quel suo modo quasi strafottente di spruzzargli l’acqua in faccia, il serra che è un tamarro presuntuoso, andava a rivendicare la sua fetta di territorio, facendosi quasi sempre male…

SERRA SU NARAK 230 - F
SERRA SU NARAK 230 – F
PARTICOLARE NARAK 230 F
PARTICOLARE NARAK 230 F
SERRA SU NARAK 230 - F
SERRA SU NARAK 230 – F
PIEGA DOPO ALLAMATA NARAK 230 - F
PIEGA DOPO ALLAMATA NARAK 230 – F

Vicini e lontani

Capita la potenzialità dell’esca, dopo averci preso confidenza per bene, iniziai a fare tante prove. Quello che mi ha più colpito è dove si riesce a lanciare il narak. Paragonandolo ad altre esche non mi viene in mente che la classica saponetta, si, avete capito bene si “spara” come una saponetta. Va lontano, ma talmente lontano che se c’è un po’ di onda lo perdiamo di vista (l’età avanza!). Questa caratteristica fondamentale, che si ottiene grazie alla grande stabilità nel lancio dovuta al perfetto bilanciamento, non serve solo ad arrivare dove gli altri non arrivano, ma soprattutto ad arrivare dove gli altri non arrivano quando c’è vento! Ho provato in giornate ventose, vola lontano uguale. Non solo la distanza di lancio dovuta al bilanciamento, ma anche la posizione da fermo in acqua e la possibilità di animarlo in diversi modi, mi ha permesso di testare a dovere quale tipo di recupero in specifiche occasioni potesse funzionare meglio. Ho notato la poca resistenza all’acqua quando recupero a canna alta ma obliqua, questo inoltre con piccole jerkate che stancano poco il polso fa andare side-to-side l’esca in maniera quasi automatica. Altro recupero che mi convince molto è la canna parallela alla spiaggia, significa maggiore resistenza all’acqua dell’esca più fatica del polso, ma ampie e visibilissime scie d’acqua, proprio come quelle dei cefalazzi che si sollazzano in superficie. Ho fatto un video apposito, che vi linko sotto per vedere di cosa parlo.

Cosa possiamo catturare col narak?

Potenzialmente tutti i pesci che prima o poi per natura mangiano in superficie! In questo momento mentre scrivo posso dirvi sicuramente serra e leccia amia, Posso dirvelo perché i serra li ho presi, (persi anche) e la leccia dopo aver attaccato a distanza notevole l’ho persa a 5 metri da riva, anche in questo caso ho le prove video! Ma sono sicuro che utilizzandolo con assiduità, specialmente in questa stagione parecchi serra verranno “fregati”, naturalmente con il narak e le altre esche di questa “stazza” il sottoscritto punta al big, nell’attesa però so bene che puntando al big, lungo il suo rientro dalla lunga e lunghissima distanza al narak potrebbero rimanere attaccati tutti gli intermedi che tanto mi fanno divertire. Bene queste le mie prime impressioni d’uso, vi lascio una scheda tecnica e la descrizione che ne fa la casa madre, nonché il link per vederne tutte le colorazioni ed i costi… a proposito di colori FENOMENALI!

DCIM\101GOPRO\GOPR0069.JPG

Caratteristiche tecniche descrizione dal sito Geppettolures.com

CARATTERISTICHE: NARAK 230-F

  • Lunghezza 230 mm
  • Peso 35 grammi
  • Action Floating

“Needle floating incredibilmente reattivo, permette al pescatore di mantenere un’ elevata sensibilità con l’esca anche se si trova a molta distanza. Realizzato in legno, ed armato con ancorette di prima scelta. La distribuzione dei pesi conferisce al NARAK 230-F una grande capacità nel contrastare il moto ondoso anche in presenza di forti venti e correnti, nel lancio il suo bilanciamento consente di arrivare a notevoli distanze con grande precisione. Il recupero non lascia che l’imbarazzo della scelta: lento, assume un nuoto ritmico e sinuoso ( WTD action), veloce, velocissimo skipping, colpi secchi di canna lo fanno spruzzare come un pesce pazzo. L’incredibile sensibilità di quest’esca ne conferisce un uso piacevole e poco impegnativo.”

Clicca qui per collegarti al sito web della Geppetto Lures

clicca qui per collegarti alla pagina Facebook della Geppetto Lures

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,




Dimmi cosa ne pensi, lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ARTICOLI CORRELATI

0Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: