fbpx
Freshwaterreport

La trota in FRESHWATER – la mia prima APERTURA

Sono da almeno 4 anni che provo a fare la mitica apertura alla trota, non ero mai riuscito a presentarmi all’appuntamento, ma quest’anno finalmente ci sono riuscito, ecco la mia prima esperienza, ricca di errori e cose da imparare!

L’unica trota catturata a spinning è stata per caso, mentre pescavo ad inizio stagione a spinning al persico, una bella lacustre, ma non vale, almeno per come vedo io lo spinning, infatti credo che l’approccio e la ricerca vadano fatte mirando ad una tecnica specifica e magari ai predatori specifici per quella tecnica!

Quindi, dopo aver fatto la licenza per acque interne ed averla utilizzata solo per pescare in lago ai persici, finalmente, prima che questa scadesse, ho deciso di fare la mia prima apertura, che negli anni precedenti per diverse motivazioni avevo sempre rinviato.

Non sono minimamente esperto della tecnica e di questo predatore, ho infatti improvvisato prendendo a prestito quello che conosco dello spinning ULS, senza avere troppe pretese, vediamo com’è andata e con quali risultati.

Lo Spot per lo spinning alla trota

Parto col dirvi che non sono abituato nemmeno a pescare in ambienti ristretti, questa risulterà una difficoltà maggiore infatti per il mio primo approccio, per questo motivo consigliato dai miei amici, abbiamo affrontato un torrente con spazi abbastanza larghi e non troppo “infrascati.

La natura di questo spot è infatti quella tipica della macchia mediterranea e delle “fiumare” Calabresi, come vedrete dal video gli spazi, seppur ristretti in alcuni punti, sono molto ampi e permettono un approccio “agevolato” per chi come me è alle prime esperienze, per chi inizia consiglio se possibile di scegliere un ambiente simile.

Nonostante lo spazio a disposizione i punti dove lanciare presenteranno comunque delle problematiche nuove per il mio modo di pescare a spinning, vi descrivo quali sono state le maggiori difficoltà.

Spinning alla trota in torrente, abbastanza difficile!

Per me che sono abituato ad ambienti molto ampi, pesco quasi esclusivamente in mare ed un pò in lago, pescare a spinning in torrente non è stato affatto facile.

Le difficoltà maggiori le ho incontrate nel lanciare l’esca con precisione nei punti migliori, che conosco perchè da ragazzo pescavo con il lombrico alla trota, ma a spinning non è per niente facile come pensavo.

L’incaglio e “l’infrascamento” dell’artificiale sono sempre dietro l’angolo (o albero) e non è facile nemmeno trovare delle posizioni comode per effettuare lanci precisi, anche se mi dicono che devo imparare bene il lancio a balestra, o comunque a canna bassa, cosa che ancora non so fare.

Queste le difficoltà maggiori, le altre le ho piano piano superate, ad esempio è bastato poco per capire che devi stare abbastanza distante dal punto di arrivo dell’esca per evitare che le trote ti vedano, non ci credevo, ti vedono e poi tu non le vedi più!

I risultati, scarsi…

Non avevo certamente la pretesa di riuscire, nella mia primissima apertura nonchè battuta a spinning in torrente, ad ottenere risultati, ma qualcosa c’è stato.

Insistendo con l’esca che poi alla fine si è rivelata la più intercettata dalle piccole trote, qualche inseguimento e qualche attacco sono riuscito ad ottenerlo, due attacchi li ho anche sentiti in canna, li vedrete nel video, niente di speciale, ma questo per uno alle prime armi è già un risultato, scarso, ma pure sempre un risultato!

Attrezzi ed esche per lo spinning alla trota

Essendo il mio primo approccio ho scelto attrezzi adeguati ed anche poco costosi, le ossa bisogna farsele con qualcosa che non sia troppo costoso ma che dia una mano nella pratica della tecnica.

Già da qualche anno avevo scelto la canna, mai utilizzata in precedenza, una shimano catana da 1.7 grammi lunga 1,68, in combo con un mulinello shimano nasci 2000 S e del trecciato, troppo grosso, ma quello avevo, dello 0.10, come terminale uno nylon dello 0,16.

Con questo setup ho lanciato dei piccolissimi jerk, forse piccoli per me, ma abbastanza grandi per le trote che non hanno gradito affatto, dei rotanti, sia MEPS che MARTIN e delle gomme con tesina piombata della caperlan.

I risultati migliori li ho avuto con i martin e con le gomme, specialmente con le gomme, che hanno ricevuto almeno due inseguimenti e due attacchi, qui sotto vi lascio i link alle esche utilizzate ed alle attrezzature.

In conclusione

Non ho ottenuto la cattura, ma questo primo approccio, insieme a due amici che pescavano a mosca e che hanno catturato, mi ha fatto capire che qualche possibilità di riuscire nell’impresa c’è l’ho.

Bisogna come al solito fare due cose essenziali nella tecnica dello spinning, insistere e rirpovare, migliorandosi e corregendo gli errori.

Di errori ne ho fatti molti, quindi ora mi toccherà migliorarli e correggerli, ma qualcosa finalmente sono riuscito a capirla, perchè bisogna sbatterci la testa, la teoria non basta, anzi, a volta fa perdere di vista l’obiettivo, ovvero imparare ed imparare significa andare sul posto e sbagliare, facendosi correggere da chi ne sa più di te.

Quindi, farò altre uscite e spero di progredire, vi racconterò ogni uscita che riuscirò a fare, sperando di ottenerew quanto prima risultati ed aspettandomi dalla community critiche e commenti per apprendere sempre di più da questa bellissima tecnica, alla prossima!

Attrezzature utilizzate

Esche Utilizzate

Non mi resta che lasciarvi come al solito i link ai miei social ed il video dove questo racconto lo potrete vivere con i vostri occhi, spero vi piaccia, se così fosse vi invito a mettere un like ed iscrivervi al canale YouTube ClipAnger, seguitemi su Facebook, instagram, twitter e pinterest, li aggiorno quotidianamente. Vi informo che ho anche aperto la sezione commenti, per gli articoli, quindi potrete dire la vostra anche qui, sotto questo articolo. Mentre per ricevere le notifiche su nuovi articoli, tutorial, report e progetti di questo blog, vi basterà iscrivervi alla newsletter!

La trota in FRESHWATER - la mia prima APERTURA a spinning in torrente - clipangler
Watch this video on YouTube.

Articoli correlati

Controlla anche
Close
Back to top button